20 febbraio 2012

Scarpini per Federico

Questa è la torta 3D, creata in occasione dell' undicesimo compleanno di mio nipote Federico .
Federico me ne ha fatto richiesta tempo fa, molto simpaticamente, quasi lanciandomi una sfida, dicendomi :" zia sai che torta potresti farmi per il mio prossimo compleanno? Degli scarpini!" 
Federico gioca a calcio fin da piccolino e chiaramente il tema calcio è ciò che più lo caratterizza. 
Quindi....ispirandomi ad un modello di scarpini usato dal famoso calciatore Lionel Messi, ho pensato di donargliene un paio un po' speciale. 
Lo aiuteranno a diventare un campione? Chissà! Certo è che, per me, Federico lo è già. 
Auguri Fede!


13 febbraio 2012

E poi... Hobby Show

Quello appena trascorso è stato per me, un fine settimana molto speciale. Per tre giorni ho avuto l'opportunità di vivere un' esperienza veramente emozionante.
 Eleonora, Anna Maria e Loredana mi hanno dato l'opportunità di far parte dello staff di Miss Cake e partecipare all'evento Hobby Show, tenutosi  presso la fiera di Roma, proprio in queste giornate.
Tre giorni intensi, sotto tutti i punti di vista. Essendo la mia prima partecipazione ad una fiera ed in particolare, la mia prima " apparizione in pubblico" per dimostrare e trasmettere la mia passione per la sugar art, non nascondo di aver provato una certa ansia, soprattutto nei giorni precedenti l'evento.
Tutto sembrava molto difficile ed a complicare la situazione anche le avverse condizioni metereologiche che hanno messo a rischio la realizzazione dell'evento. 
Improvvisamente però, tutta la tensione e la paura sono svanite. Quando? 
Quando ho cominciato ad avere nelle mani la pasta di zucchero e a dare corpo alle creazioni che avevo pensato per questa occasione. Allora si, che mi sono sentita bene e a mio agio. 
A poco a poco vedevo avvicinarsi le persone alla mia postazione che, incuriosite ed attratte da ciò che stavo facendo, mi osservavano con occhi stupiti. 
Sui volti di molti ho visto lo stupore di bambini. Meravigliati guardavano con attenzione come io e le altre colleghe riuscivamo a trasformare della pasta di zucchero in fiori, oggetti, statuine e... torte.
Vorrei ringraziarle tutte queste persone, perché con le loro domande, la loro presenza, i loro apprezzamenti mi hanno dato tanto.  Anche loro, senza saperlo, hanno contribuito a che vivessi un'esperienza per me piena di belle emozioni.
Questa esperienza inaspettata,  mi ha dato l'opportunità di incontrare, nuovamente, amiche che condividono con me la passione della sugar art e di conoscerne delle nuove. Ciascuna di loro, alcune delle quali professioniste di alto livello, mi ha lasciato qualcosa: consigli, insegnamenti, incoraggiamenti e complimenti. 
A loro il mio sentito affettuoso grazie.






Io e le mie amiche Roberta Serafini e Stefania De Angelis
Lo staff  di   "Miss Cake"

 












Per la serie "The last but not the least" un grazie speciale a Miss Cake che ha permesso tutto questo.

3 febbraio 2012

C'era una volta.... la principessa Emilia

Emilia è mia zia. E' una vecchina di 89 anni  che vive da molto tempo sola, uscendo da casa molto, molto di rado. Praticamente mai.
Zia Emilia in gioventù è stata un' abile ricamatrice. Se ci penso, la sua vita mi richiama alla mente l'immagine di un personaggio delle fiabe, di una principessa rinchiusa in una torre del castello a ricamare in attesa dell'arrivo di un principe che giunga a liberarla. 
Ma quella vissuta da zia Emilia non è una favola, cosi come moolto diverso è il principe da lei atteso. 
Ma torniamo ai suoi piccoli preziosi capolavori che ritrovo, quotidianamente, nella mia casa guardando lenzuola, asciugamani , tovaglie ed altro. Il suo tocco è ovunque.
Quando guardo quei capolavori creati dalle sue mani, mi tornano alla mente quei caldi pomeriggi estivi quando, bambina, lasciata dai miei genitori alla custodia di zia Emilia, ella cercava di insegnarmi l'arte del ricamo.  
Purtroppo  ho imparato poco , forse è meglio dire nulla. Ero troppo impegnata a giocare con quell'abbondante quantità di lucide,  colorate matassine di filo di seta che passavo e ripassavo nelle mie mani. 
Poi, ricordo il desiderio di avere per me quel cerchio magico che, tendendo forte la stoffa come fosse un foglio di carta, consentiva a zia Emilia di  "scrivere" su di essa, ma non con una penna, con un ago. Che meraviglia!
Non sono mai riuscita ad eguagliare quella capacità.
In occasione dell'ottantanovesimo compleanno di zia Emilia, tutti questi ricordi si sono presentati  nella mia mente in modo intenso e sono diventati materia nelle mie mani.
Forse, solo cosi, sono riuscita a "ricamare" anch'io qualcosa con quel cerchio.




Note Tecniche
Questa torta era composta da :
Pan di spagna, farcitura di crema alla vaniglia e crema di pistacchio, bagna ai frutti di bosco. Per la copertura : crema al burro alla vaniglia e pasta di zucchero decorata. Per i "ricami" ho usato della ghiaccia reale.